Il dilemma del re dell’Epiro. Album delle figurine n. 32, Martedi 14 agosto 2014

A pag. 108 del libro-intervista è scritto:

Ad un certo punto avevo pensato di essere adatto anche a fare altro, portando in quell’ ”altro” l’esperienza trasversale che avevo accumulato. Ci scherzai, per esempio, ma con una certa determinazione civile, al tempo del governo Ciampi, pur nel periodo in cui eravamo molto concentrati nella campagna (sostanzialmente culturale) in materia di privatizzazioni, con il sottosegretario alla Presidenza Antonio Maccanico con cui avevo una confidenza maturata attorno alla figura del presidente Pertini ; quasi convincendolo ad un certo punto a mandarmi a Palermo con ruolo prefettizio (parallelo al mio), al momento in cui si induriva la pressione antimafia con sorveglianza naturalmente legata a funzioni prevalentemente di controllo militarizzato.
Pensavo che fosse complementarmente necessario parlare anche un altro linguaggio, per aprire un dialogo con i giovani siciliani, con le scuole e con i centri associativi, per stabilire ponti con il sistema culturale, scientifico e comunicativo del paese e mostrare che il governo non trattava solo la Sicilia con “il controllo” ma anche con una politica delle opportunità.
In verità era una idea forte (dovrebbe esserci da qualche parte ancora la traccia scritta di quel progetto). E sarei stato disposto a fare subito quella sperimentazione. Ma non ci furono le condizioni per andare al di là dei sogni nella stanza di un uomo pratico ma anche di valori come appunto era Tonino Maccanico”.

Le foto.

• L’ultimo giorno di governo il presidente Ciampi dispose di riunire nella Biblioteca di Palazzo Chigi il vertice della presidenza, lui stesso, il sottosegretario Maccanico, il segretario generale Manzella, insieme a tutti i diretti collaboratori e a tutti i capi Dipartimento, per una foto che fu inviata a ciascuno, insieme a una medaglia ricordo, con il ringraziamento personale di Ciampi). So per certo che – qualunque sia stato il futuro di ciascuno di noi – tutti i presenti in questa foto la conservano con particolare affetto.

• Con Antonio Maccanico in un evento alla Camera dei Deputati (1992). Si scorge aìnche il presidente Giorgio Napolitano allora presidente della Camera.

• Per iniziativa di Andrea Manzella, chiamammo Emilio Giannelli a disegnare la pubblicazione popolare e divulgativa in materia di “privatizzazioni”. Così come successivamente facemmo a proposito dei cambiamenti in materia di “pensioni” chiamando Altan a collaborare.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *