A Stefano Rolando il PRO PR Award 2019 domani a Selce in Croazia

Selce, Croazia, 11 aprile 2019

Stefano Rolando – direttore di Rivista italiana di comunicazione pubblica, professore (tra i primi in Italia) di Teoria e tecniche della comunicazione pubblica (dal 2001 all’Università Iulm di Milano), presidente del Club of Venice (network dei responsabili della comunicazione dei governi e delle istituzioni della UE da lui fondato nel 1986 – riceverà domani a Selce in Croazia, nel quadro della annuale PRP PR Conference (dedicata dal 2002 allo sviluppo internazionale delle pubbliche relazioni nel sistema sia pubblico che di impresa),  una sorta di “premio alla carriera” proprio per gli oltre trenta anni di dedizione alla costruzione dei rapporti professionali e civili nel vasto ambito dei comunicatori pubblici europei. Sono dieci i premiati dell’anno in questo evento che ha carattere rilevante nei Balcani a cui partecipano operatori da tutta Europa e anche da altri paesi e che la sera del 12 aprile rappresenteranno storie aziendali, istituzionali, di studio e di ricerca, di organizzazione professionale e normativa in un campo sinergico a quello della comunicazione.

Per l’Italia quest’anno – ha detto Daniel Koletic, presidente di PRO PR Conference – è stato scelto un esponente del nostro settore che ha contribuito notevolmente, anche in campo europeo, allo sviluppo di questa professione. La decisione è stata presa da una commissione internazionale basata sull’analisi dei risultati ottenuti da ciascun candidato designato”.

Sono grato per questo riconoscimento – ha detto Stefano Rolandosoprattutto espresso da paesi in cui lo sviluppo professionale è stato molto progredito in questi anni tanto da svolgere esperienze ormai d’avanguardia, in cui l’ingresso di molti di quei paesi nel sistema dell’Unione Europea ha contribuito in modo decisivo. Una cultura di traino per la completa europeizzazione dell’area balcanica, rispetto a cui l’Italia è paese di tradizioni riconosciute e altresì di scambi commerciali e culturali molto importanti”.

Leave a Reply

Your e-mail address will not be published. Required fields are marked *