Home Chi Sono Percorsi Stefano Rolando, profilo in Wikipedia (aggiornamento 9 settembre 2013)
Stefano Rolando, profilo in Wikipedia (aggiornamento 9 settembre 2013)
Stefano Rolando
Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Aggiornamento 9 settembre 2013

Stefano Rolando (Milano, 1948) è un docente , manager, comunicatore italiano. Professore universitario di ruolo e manager pubblico e privato, ha attraversato molteplici esperienze nei campi della comunicazione (giornalismo, editoria, televisione, cinema, pubblicità, comunicazione di impresa, comunicazione pubblica, telecomunicazioni) con radicamenti nell’impresa, nelle istituzioni e nel sistema universitario. Figura tra i primi sperimentatori e promotori della comunicazione pubblica in Italia (attivando come direttore generale a Palazzo Chigi dal 1985 al 1995 un presidio operativo e progettuale), è tra i protagonisti del dibattito sulla materia in Europa, nella prospettiva soprattutto della democrazia partecipativa. Negli ultimi anni ha particolarmente orientato studi e analisi nel campo del branding pubblico (identità competitiva), con una scrittura attenta anche ai temi della memoria, dell’identità nazionale e dei cambiamenti della politica. È stato anche tra i primi a progettare e gestire nel sistema universitario l’esperienza delle fondazioni di ricerca applicata e formazione. Svolge attività di impegno civile e culturale soprattutto attraverso reputate fondazioni. E’ Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica Italiana (governo Ciampi 1993), con alte onorificenze concesse dalle Repubbliche di Francia (1996) e Romania (2008) e una cattedra h.c. in Diritto e Scienze Sociali all’Università di Buenos Aires (1990).

Oggi è :
  • Dal 2001 professore di ruolo (raggruppamento di Economia e gestione delle imprese) alla Università IULM di Milano in cui insegna. Politiche pubbliche per le comunicazioni e Teoria e tecniche della comunicazione pubblica oltre ad avere creato e dirigere il master universitario in Management della comunicazione sociale, politica e istituzionale (MASPI).
  • Dal 2009 presidente della Fondazione “Francesco Saverio Nitti” (Roma e Melfi, con soci le istituzioni della Basilicata e i Ministeri Economia, Sviluppo economico e Beni culturali);
  • Dal 2012 presidente del Comitato di indirizzo per la promozione del Brand di Milano, promosso dall’Amministrazione della Città di Milano.
  • Dal 1986 presidente del Club of Venice, rete responsabili comunicazione istituzionale dei governi membri e delle istituzioni comunitarie europee (coordinamento operativo presso Consiglio UE a Bruxelles).
  • Dal 1998 direttore di Rivista italiana di comunicazione pubblica.
  • Dal 1979 membro del comitato di redazione della rivista “Mondoperaio".
  • È membro del comitato di orientamento di Aberje-Associazione della comunicazione di impresa e delle istituzioni (dal 2012, San Paolo del Brasile) e di Media Governance Iniziative (dal 2013, ONG Parigi).
  • Dal 1990 è membro del consiglio generale di Aspen Institute Italia.
  • Dal 2013 (luglio) è componente del Comitato regionale per le Comunicazioni della Lombardia (Co.re.com)
Ha scritto e scrive su media di rilevanza nazionale ed è autore di molte pubblicazioni, negli ultimi anni con due distinti percorsi di scrittura:
  • nell’area delle sue competenze disciplinari: nel 2013 Comunicazione, poteri, cittadini -  Egea-Bocconi (in stampa); nel 2012 Teoria e tecniche della comunicazione pubblica, Rizzoli-Etas, terza edizione; nel 2010 Politiche pubbliche per le comunicazioni, Etas; Economia e gestione della comunicazione delle organizzazioni complesse, Cedam; La comunicazione pubblica per una grande società, Etas; nel 2008 Brand Milano, Franco Angeli; nel 2007 Democrazia partecipativa in Italia e in Europa, Franco Angeli.
  • nel campo della memoria, della politica e dell’identità nazionale : Quarantotto, Bompiani 2008; Una voce poco fa, Marsilio 2009; Il mio viaggio nel secolo cattivo, con Maria Luigia Nitti Baldini nel 2008; Le nostre storie sono i nostri orti, ma anche i nostri ghetti con Marco Pannella, Bompiani 2009; Paolo Grassi, una biografia tra teatro, musica, televisione (coautore), Skira 2011; Due arcobaleni nel cielo di Milano, con Giuliano Pisapia, Bompiani 2011; La buonapolitica, prefazioni di Fabrizio Barca e Giuliano Pisapia, Rubbettino 2012; Liberi e senza paura, con Umberto Ambrosoli, Sironi 2013;
  • a gennaio 2013 Fausto Lupetti ha pubblicato Etica e Comunicazione con testi (del 1991) del cardinale Carlo M. Martini e di Stefano Rolando.
È stato:
  • Dal 1971 al 1972 ricercatore economico (per Regione Lombardia e per Commissione Europea).
  • Dal 1973 al 1977 responsabile creativo nel settore della comunicazione di impresa (per grandi gruppi industriali italiani, tra cui Iri e Fiat).
  • Dal 1978 al 1982 dirigente della Rai-Radiotelevisione italiana (tra cui assistente dei presidenti Paolo Grassi e Sergio Zavoli).
  • Dal 1982 al 1985 direttore generale dell’ Istituto Luce-Italnoleggio cinematografico (produzione e distribuzione cinematografica e audiovisiva e gestione dell’archivio storico).
  • Dal 1985 al 1995 direttore generale alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e Capo Dipartimento Informazione e Editoria (governi Craxi, Fanfani, Goria, De Mita, Andreotti, Amato, Ciampi, Berlusconi e Dini); competenze in materia di media, leggi sull’editoria, audiovisivo in Europa, convenzioni Stato-Rai, diritto d’autore, comunicazione istituzionale, promozione culturale.
  • Dal 1985 al 1993 membro del Consiglio di Amministrazione della SIAE.
  • Dal 1995 al 1996 direttore centrale del gruppo Olivetti (relazioni esterne, istituzionali e culturali).
  • Dal 1997 al 2001 direttore generale (e coordinatore dei direttori generali) del Consiglio regionale della Lombardia.
  • Dal 2001 al 2006 segretario generale della Conferenza dei presidenti delle Assemblee regionali italiane.
  • Dal 2005 al 2010 segretario generale della Fondazione Università IULM, (ricerca applicata e alta formazione con soci Assolombarda, Camera di Commercio Milano, CTS, Provincia Milano e Regione Lombardia); e direttore scientifico della Scuola di Comunicazione IULM.
  • Dal 2008 al 2010 membro del Consiglio superiore delle Comunicazioni (Roma).
  • Dal 2010 al 2012 presidente di Civicom-Comunicazione di pubblica utilità (Roma e Milano).
Nell’ambito degli impegni civili:
  • Ha promosso dal 2011 (nell’ambito di Fondazione Francesco Saverio Nitti di cui è presidente) la Scuola di alta formazione su sviluppo nel Mezzogiorno, ispirata da Fabrizio Barca e diretta da Gilberto Seravalli.
  • È membro del Comitato scientifico della Fondazione Sandro Pertini.
  • È membro del Comitato scientifico di Labsus –Laboratorio per la sussidiarietà.
  • È stato due volte (negli anni ’70 e negli anni ’90) membro di nomina internazionale nel consiglio direttivo dell World Wildlife Fund italiano.
  • Ha promosso dal 2006 in Italia l’impegno di Maison Shalom diretta da Maggy Barankitse e nata per la salvezza dei bambini vittime della guerra civile in Burundi.
  • È stato capolista indipendente nelle liste radicali nella campagna elettorale in Lombardia nel 2010.
  • Ha coordinato nel 2011 il “Gruppo dei 51 presieduto da Piero Bassetti a sostegno della campagna elettorale di Giuliano Pisapia a Milano.
  • Ha coordinato tra il novembre 2012 e il febbraio 2013 l’iniziativa politico-elettorale di Umberto Ambrosoli candidato alla Presidenza della Regione Lombardia.
In ambito scientifico, di ricerca e consulenza:
  • Tra il 1984 e il 2005 ha realizzato rapporti di ricerca per istituzioni: Presidenza del Consiglio dei Ministri (Giuliano Amato), CNEL (Giuseppe De Rita), Ministero Interno (Rosa Russo Jervolino); Ministero Esteri (Franco Frattini); Ministero Innovazione Tecnologica (Lucio Stanca) e per associazioni e imprese.
  • Tra il 1999 e il 2008 è stato consigliere dei ministri Luigi Berlinguer (Istruzione), Luigi Mazzella (Funzione Pubblica) e Francesco Rutelli (Beni culturali) per i quali ha realizzato rapporti di studio e di ricerca finalizzata a politiche pubbliche e a normative.
  • Dal 2006 al 2010 è stato rappresentante italiano nel Consiglio scientifico Unesco-Bresce.
  • Dal 2006 al 2010 ha finalizzato l’attività di ricerca nell’ambito delle competenze di Fondazione Università Iulm, di cui è stato segretario generale.
  • Nel 2008 è stato coordinatore della Commissione di indagine e di proposta sulla economia della creatività in Italia, presieduta da Walter Santagata presso il Ministero per i Beni e le Attività culturali.
  • A fine 2010 è stato tra i presidenti-moderatori della Conferenza nazionale di statistica promossa dall’Istat e presieduta da Enrico Giovannini.
  • Ha coordinato per Civicom nel 2011 un programma di ricerca sostenuto da Banca Intesa in materia di internazionalizzazione del sistema universitario italiano e nel 2012 ha svolto per le istituzioni competenti in materia fiscale un programma di ricerca su opinione pubblica e orientamenti alla tax compliance.
Come professore e conferenziere svolge da tempo impegni anche in una agenda internazionale, tra cui di recente:
  • Ha aperto (ottobre 2009) alla George Washington University, nella capitale  USA, la conferenza panamericana sulla comunicazione di crisi.
  • Ha aperto (maggio 2010) alla Pontificia Università di Rio Grande do Sul a Porto Alegre la conferenza nazionale dei ricercatori di comunicazione di università e imprese del Brasile.
  • È stato tra i presidenti-moderatori a Bruxelles della prima Conferenza europea sulla comunicazione del settore pubblico promossa (ottobre 2010) dal Comitato delle Regioni UE presso il Parlamento europeo.
  • Ha svolto la relazione di analisi sul Rapporto 2012 di Eurobarometro in materia di fiducia istituzionale alla terza Conferenza europea sulla comunicazione del settore pubblico promossa (ottobre 2012) dal Comitato delle Regioni UE presso il Parlamento europeo.
  • Ha diretto le ricerche sulla reciprocità di immagine tra Italia e Romania (con Fondazione IULM, per Unimpresa Romania, patrocinio Ministero Esteri, rapporto 2008 e convegnistica Bucarest 2008, Roma 2010).
  • Ha presieduto (novembre 2011 e novembre 2012) alla Biblioteca Marciana a Venezia la 25ª e la 26ª sessione del Club of Venice, coordinamento responsabili comunicazione governi paesi membri UE e delle istituzioni comunitarie.
  • Ha svolto in ottobre 2011e agosto 2012 a San Paolo del Brasile cicli di conferenze su Nation brand: tra Italia e Brasile ed è stato relatore al Brazil Day a Milano (novembre 2012).
  • Ha presieduto e introdotto a marzo 2012 a Sofia (Bulgaria) la conferenza europea (Club of Venice con il Segretariato del Consiglio UE e il governo della Bulgaria) in materia di “comunicazione di crisi”.
  • Ha presieduto e introdotto a giugno 2013 a Tallinn (capitale dell’Estonia), la conferenza europea del Club of Venice in materia di comunicazione istituzionale e innovazione tecnologica. 
Onoreficenze (italiane)
Cavaliere di Gran Croce al Merito della Repubblica Italiana (27.12.1993)
Commendatore al Merito della Repubblica Italiana (22.06.1985)
 

 

Collegamenti esterni
Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie