Home Chi Sono Congedi Sulla parola "congedo"
Sulla parola "congedo"
 
Non ci sono solo congedi dagli essere umani. Con la parola "congedo" ho una antica prudenza. Il dizionario etimologico parla di "facoltà o licenza di partire" ma anche di "commiato brusco". Nell'antico italiano era "combiàto" o anche "congiàto" ovvero "congio". Risale al latino "commeatus", poi contrattosi.
Essere soggetti attivi o passivi di un congedo è sostanzialmente altra cosa. Ma resta alla fine sempre un riverbero interattivo che rompe un equilibrio - con persone, luoghi, oggetti - e ne prolunga poi una sorta di infranta (a volte vaga, a volte struggente) nostalgia ricompositiva. Oppure separa, restituendo la serenità della distanza. Quindi spettro di sentimenti che ormai molte volte all'anno, nella vita adulta, è provocato dallo strappo inevitabile. Quello a cui, anche in caso di evidenti malattie, non si è mai abbastanza preparati. L'angolo di un sito è un piccolo porticciolo, una insenatura riparata, per collocare qualche parola laddove, a congedi avvenuti, non sono più le parole a viaggiare, ma appunto le memorie.