Home News
News

25

Nov

2013

Macroregione Adriatico-Ionica. Al via il "piano d'azione"
 

Legnini, via a piano d'azione: "Conclusione iter tra priorita'presidenza italiana della Ue"

 

(ANSA) - ROMA, 23 NOV –

Un'attività dicomunicazione istituzionale e di informazione, in coordinamento con i governinazionali e regionali, per dare il via al Piano di azione per la conclusionedell'iter per la creazione della Macroregione  Adriatico Ionica (EUSAIR): e' il progetto del sottosegretario allapresidenza del Consiglio, GiovanniLegnini.

''La prossima Presidenza italiana dell'Unione Europea avra' tra le suepriorita' la conclusione dell'iter per la creazione della MacroregioneAdriatico Ionica (EUSAIR) - ha detto Legnini -all'interno delle strategie per la costruzione del Piano di Azione,ritengo interessante la realizzazione di un'azione orizzontale rispetto aiquattro pilastri d'intervento previsti nel documento EUSAIR. Si tratterebbe insostanza di organizzare un' attività di comunicazione istituzionale e diinformazione, in coordinamento con i governi nazionali e regionali e con un' attività di comunicazione istituzionale e diinformazione, in coordinamento con i governi nazionali e regionali e conl'apporto e il contributo delle agenzie e degli stakeholder del settore''.

Perquesto, ha spiegato Legnini,l'Italia, attraverso il Dipartimento perl'Informazione e l'Editoria dellapresidenza del Consiglio dei ministri, ''intendefarsi promotrice di questa azione orizzontale. A tal fine, il 27 novembre alle10, presso la presidenza del Consiglio, via della Mercede 9, abbiamoprogrammato il workshop 'Adriatico, regione d'Europa. La comunicazione per la Macroregione Adriatico-Ionica'''.

Sonoprevisti gli interventi del viceministro degli Esteri Marta Dassù e del presidente della regione Marche Gian Mario Spacca, coordinatoredel Comitato delle Regioni di BruxellessullaMacroregione. In programma anchecontributi di Stefano Rolando (professore universitario di ruolo di Teoria e tecniche della comunicazionepubblica allo Iulm di Milano), AnnaMaria Villa (del Dipartimento per gli Affari europeidella presidenza del Consiglio), Giuseppe Cerbone (amministratore delegato dell'ANSA) e di NicolaPiepoli dell'IstitutoPiepoli. (ANSA).


 
 

18

Nov

2013

Al lavoro una Commissione tecnico-scientifica per il rinnovo del brand di Firenze
Corriere Fiorentino, 9 novembre 2013
 
L'INIZIATIVA
Logo per Firenze, 5.000 idee dal mondo
Anche dall'Islanda e da Hong Kong partecipazioni al concorso che selezionerà il nuovo brand di Firenze: giuria al lavoro, il premio è di 15 mila euro
 
 
Ultimo aggiornamento Lunedì 18 Novembre 2013 12:12
Leggi tutto...
 

16

Nov

2013

La comunicazione pubblica europea affronta la stretta finanziaria e le elezioni del 2014
CLUB OF VENICE
PLENARY MEETING, 14-15 novembre 2013
Venezia
Presidio militare dell’Esercito italiano – Caserma "Aristide Cornoldi"
Castello 4142 (Riva degli Schiavoni)
 
Nota di sintesi
 
A Venezia il 14 e il 15 novembre meeting dei direttori della comunicazione dei governi nazionali e delle istituzioni UE
 per iniziativa del Club of Venice (fondato nel 1986)
in collaborazione con il Dipartimento Affari europei della Presidenza del Consiglio dei Ministri
La comunicazione pubblica europea
affronta la stretta finanziaria e le elezioni del 2014
puntando a una migliore organizzazione
 
(Venezia 16 novembre 2013) – Ventotto rappresentanti nazionali e sette delle istituzioni sovrannazionali (Parlamento, Consiglio, Commissione, Comitato Regioni, Comitato Economico-Sociale, Banca centrale, Consiglio d’Europa) insieme allo Steering commitee del Club of Venice e un team di esperti (fondazioni, università, associazioni) sono tornati a Venezia (sede dalla costituzione, avvenuta nel 1986, del sodalizio di coordinamento informale della comunicazione istituzionale europea) per fare il punto su modelli organizzativi, impatto delle tecnologie, processi di interattività, risorse professionali e finanziarie a fronte di un anno cruciale per l’Europa che è considerato il 2014.
Nella cornice del presidio militare all’Arsenale, l’incontro ha consentito l’abituale confronto di idee e di esperienze tra chi opera nei sistemi nazionali e chi nelle organizzazioni a regime comunitario che quest’anno aveva come punto di analisi i modelli organizzativi. In particolare una lunga relazione del nuovo direttore del Servizio di comunicazione del governo britannico, Alex Aken, ha fatto discutere i partecipanti che hanno appreso della chiusura dello storico COI- Central Office of Information per passare ad una struttura più agile ma più manageriale, dove la valutazione delle attività è ora fissata per legge e in cui il passaggio alle funzioni digitali è radicale. Anche il direttore della comunicazione del governo olandese Erik den Hoedt  ha introdotto la sessione con un analogo approccio: riorganizzarsi e usare tecnologia e analisi sociale per fronteggiare la diminuzione delle risorse e l’aumento degli impegni, generali e settoriali. Secondo round, quello della preparazione delle elezioni del Parlamento europeo nel 2014. Qui sono stati i rappresentanti delle istituzioni di Bruxelles (in particolare Stephen Clark per il Parlamento e Ylva Tiveus per la Commissione) a illustrare i programmi di comunicazione (“Act, react, impact”) e di riorganizzazione del rapporto con i cittadini. Un 2014 caratterizzato dalle presidenze di turno prima greca e poi italiana, attorno a cui sono intervenuti sia il segretario generale dell’informazione del governo greco Andreas Katsaniotis (ad Atene, infatti, il prossimo meeting in primavera del Club of Venice) e gli italiani Anna Maria Villa (Dipartimento affari europei) e Aldo Amati (portavoce del ministro degli esteri Emma Bonino).
Il presidente del Club of Venice – che ha aperto e chiuso lavori, coordinati dal segretario generale Vincenzo Le Voci (del Consiglio UE) – ha presentato, in sintonia con il britannico Mike Granatt, il progetto di summer school che il CdV promuove per la prossima estate, con faculty europea e progetto di cooperazione tra i governi,  nella cornice della città d’arte di Pietrasanta in Toscana.
Concludendo i lavori Stefano Rolando ha anche detto: “Nella comunicazione istituzionale conta la tecnica, ma contano anche gli indirizzi politici. I paesi europei – maggiori e minori – hanno un passato di player globale. Hanno individualmente conquistato in varie epoche parti del mondo, dettando regole e influenzando culture ed economie. Ma vivono oggi un altro tempo. In questo tempo ci sono alcuni grandi paesi che vogliono raccontarsi (l’indirizzo politico della comunicazione) come player globali. Usa, Cina, Brasile, India, Russia, Giappone. Le tentazione per alcuni paesi UE di svolgere ancora quel ruolo è evidente. Ma ciò fragilizza il racconto dell’Europa come player globale, con la sua massa critica culturale, sociale, economica. Anche questo è un tema in evidenza per riflettere sulla cornice identitaria necessaria al rinnovamento della comunicazione europea”.
 

12

Nov

2013

Conferenza stampa della Fondazione "Paolo Grassi" a Palazzo Marino a Milano
Nota per la stampa
Conferenza stampa a Palazzo Marino della Fondazione "Paolo Grassi"
Interventi di Filippo Del Corno, Francesca Grassi, Davide Rampello, Mimma Guastoni, Stefano Rolando, Gisella Belgeri

La Fondazione Paolo Grassi- La voce della cultura presenta
il programma del convegno internazionale dedicato a Televisioni e culture
Si svolgerà il 29 novembre 2013 a Milano alla Fondazione del Corriere della Sera.
Presentato anche il programma Voce libera promosso dalla Fondazione Grassi con Radio Cemat e qualificati atenei italiani sul tema della prospettiva dei giovani interessati al mercato del lavoro della cultura e della creatività
Milano, 12 novembre 2013
 
Leggi tutto...
 

01

Nov

2013

Etica&Comunicazione - Presentato il libro alla Sala Palestrina a Milano
http://www.stefanorolando.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1331:etica-e-comunicazione-presentazione-del-libro-alla-sala-palestrina-a-milano-30-ottobre-2013&catid=39:testi&Itemid=63
 

19

Ott

2013

Comunicato del governo GB. Ristrutturato il COI, Introdotto l'obbligo di valutazione delle campagne
E' in rete la comunicazione del governo britannico che - nel quadro di una riorganizzazione delle strutture governative di comunicazione - adotta la misura della valutazione obbligatoria per le campagne pubbliche. 
https://www.gov.uk/government/news/new-central-government-communication-service-to-save-money-and-raise-standards
 

25

Set

2013

Oggi l'applauso della vecchia e della nuova Rai per i 90 di Sergio Zavoli (25 settembre 2013)
I 90 anni di Sergio Zavoli in Rai oggi, alla presenza di Giorgio Napolitano (non sembra vero, ma - hanno detto - per la prima volta il capo dello Stato a viale Mazzini!). Soave ma ferma orazione civile dello stesso Zavoli su coscienza professionale e servizio pubblico. Sette minuti di video sul back-stage di un pignolissimo grande professionista. Volti vecchi e nuovi di quella azienda (da Bernabei, presente, a Gubitosi). Sobria e precisa introduzione della signora Tarantola. In sala ognuno con il suo amarcord. Io, tra Lucio Villari ("La notte della Repubblica") e la editor in Mondadori dello stesso Zavoli (a parlare del suo rapporto con gli aggettivi). Poi i primi abbracci di Raffaella Carrà e di Renzo Arbore.
Con il Capo dello Stato, il presidente del Senato Grasso, i ministri Cancellieri e Bray, gli esponenti del PD Zanda, Finocchiaro, Gentiloni. Gli esponenti del PDL Gianni Letta e Paolo Bonaiuti.
Tra i nomi storici della Rai, Emanuele Milano, Fabiano Fabiani, Angelo Guglielmi
 

22

Set

2013

Nasce ASPEL-Associazione di studi per la Lombardia (19 settembre 2013)
Eletti gli organi sociali. Presidente Valerio Onida, segretario generale Stefano Rolando
 
Un think tank indipendente di cinquanta professori universitari (soci promotori) degli atenei lombardi che promuoverà analisi per irrobustire la proposta di politiche pubbliche del centrosinistra di una grande regione divenuta politicamente contendibile.
 
alt
 
(Milano 20 settembre 2013) – Si è costituita ieri con una assemblea conclusa a tarda sera ospitata nel Consiglio regionale della Lombardia una Associazione indipendente e autosufficiente composta da docenti universitari ed esperti gestionali e settoriali che raccoglie l’eredità del lavoro di elaborazione del programma di governo della coalizione del centrosinistra lombardo che, con la guida di Umberto Ambrosoli e l’alleanza tra Partito Democratico e movimento del “Patto Civico”, ha portato alla recenti elezioni la soglia di contendibilità politica della regione in condizioni di dare più spessore al ruolo della conoscenza nelle scelte di indirizzo della politica.
L’Associazione si chiama ASPEL- Associazione di studi per la Lombardia, i Soci promotori sono circa una cinquantina – di cui 43 hanno già perfezionato l’adesione e un’altra decina l’hanno preannunciata – appartenenti a diversi ambiti disciplinari (giuristi, economisti, sociologi, urbanisti, storici, esperti socio-sanitari, eccetera) nella rete degli atenei del territorio insieme a ricercatori ed esperti che operano anche in reputati istituti non universitari.
Leggi tutto...
 

31

Lug

2013

Nomine Corecom Lombardia. Critiche PD e Patto Civico
31 luglio 2013
LOMBARDIA: CONSIGLIO, NOMINE IN FIERA E AL CORECOM
 
 

luglio 30, 2013   agenord

(AGENORD) – Milano, 31 lug. – A conclusione dei lavori della seduta odierna, il Consiglio regionale ha proceduto alle seguenti nomine: Presidente Fondazione Ente Autonomo Fiera Internazionale di Milano: Benito Benedini. Componenti Comitato Regionale per le Comunicazioni (Corecom): Guido Borella, Gianluca Savoini, Giulio Boscagli, Stefano Rolando (a questi si aggiungerà il quinto componente, il presidente, che sarà nominato dal Presidente della Giunta di concerto con il Presidente del Consiglio regionale).  Componenti Consiglio per le Pari Opportunità (CPO): Libretti Daniela, Lissoni Luisa Maria Carla, Nascimbene Ilaria, Colli Ombretta, Bassan Alessandra, Bracchitta Loredana, Del Giorgio Elena.

 

Ultimo aggiornamento Mercoledì 31 Luglio 2013 21:30
Leggi tutto...
 

19

Giu

2013

Brand Milano. Perchè il cantiere è fermo?
Arcipelago Milano. Luca Beltrami Gadola intervista-video a Stefano Rolando sul "cantiere fermo" del Comitato Brand Milano.
http://www.youtube.com/watch?v=WQLLmg0f_mU&feature=youtu.be
 

16

Mar

2013

Stefano Rolando: primi commenti e bilancio campagna elettorale del centrosinistra in Lombardia
 
1. In ArcipleagoMilano (27 febbraio 2013)http://www.arcipelagomilano.org/archives/23745
2.
Nel n. 3/2013 di Mondoperaio (rivista mensile diretta da Luigi Covatta) un'analisi complessiva del voto (quadro nazionale e regionale). Mi è stata chiesta un'opinione sui risultati in Lombardia: valutazione degli esiti e prospettive. Qui anticipata.
http://www.stefanorolando.it/index.php?option=com_content&view=article&id=1149:elezioni-lombardia-analisi-del-voto-spunti-per-lagenda-in-mondoperaio-3-2013&catid=39:testi&Itemid=63
3. Elezioni in Lombardia. Breve bilancio e sguardo avanti. Su Linkiesta riprendo e continuo la rubrica "Buona e mala politica" che ho tenuto tra gennaio e febbraio in questa pagina di Facebook.
http://www.linkiesta.it/blogs/buona-e-mala-politica/elezioni-lombardia-guardare-avanti

Ho raccolto le principali note scritte nel corso della campagna elettorale per le regionali in Lombardia (dall'8 novembre 2012 all'8 marzo 2013) in questo stesso sito al link
http://stefanorolando.it/index.php?option=com_content&view=category&layout=blog&id=64&Itemid=96
 
Ultimo aggiornamento Giovedì 11 Aprile 2013 21:04
 

05

Feb

2013

Stefano Rolando lascia la presidenza di Civicom (29.11.2012)
Il 29 novembre 2012 il prof. Stefano Rolando, avendo assunto  l'incarico di coordinatore dell'iniziativa politico-elettorale dell'avv. Umberto Ambrosoli nell'ambito della campagna elettorale per la presidenza della Regione Lombardia, ha lasciato l'incarico professionale di presidente della società Civicom, specializzata nel campo della comunicazione di pubblica utilità, a cui i soci lo avevano chiamato nel 2010 a causa della scomparsa del presidente dott. Guglilemo Trillo e nella quale rivestiva - come non socio - l'incarico di presidente del Comitato scientifico.
Ultimo aggiornamento Martedì 05 Febbraio 2013 00:09
 

11

Nov

2012

Comunicato di Umberto Ambrosoli sul coordinamento della campagna

L ' avvocato Umberto Ambrosoli,  che ha annunciato l' 8 novembre la disponiblita' ad avviare una iniziativa politica di aggregazione di rappresentanze sociali e di forze politiche per un patto civico di rinnovamento di Regione Lombardia, comunica di avere chiamato a coordinare questa iniziativa  Stefano Rolando, professore universitario a Milano, gia' direttore generale alla Presidenza del Consiglio dei Ministri e del Consiglio Regionale della Lombardia, che e' stato nel team delle strategie della campagna elettorale di Giuliano Pisapia a Milano nel 2011. 


Stefano Rolando (Milano, 1948),
è professore di ruolo all’Università IULM di Milano, nel raggruppamento di Economia e gestione dell’impresa, docente di Teoria e tecniche della comunicazione pubblica e di Politiche pubbliche per le comunicazioni e direttore del master universitario in Management della comunicazione politica, sociale e istituzionale. In IULM è stato anche dal 2005 al 2010 segretario generale della Fondazione universitaria (ricerca applicata) e direttore della Scuola di Comunicazione IULM (formazione continua). Ha insegnato anche a Roma Luiss e Lumsa, Siena, Lugano e S. Paolo del Brasile.
 
E’ attualmente
membro del Consiglio superiore delle Comunicazioni e presidente della Fondazione Francesco Saverio Nitti (Melfi-Roma). Considerato uno dei pionieri in Italia e in Europa nel campo della comunicazione pubblica, del branding pubblico e delle strategie di comunicazione delle organizzazioni complesse, presiede il Club of Venice, coordinamento dei responsabili della comunicazione dei governi e delle istituzioni comunitarie nel quadro UE. Nel 2004 ha fondato Civicom-Comunicazione di pubblica utilità, che opera nei settori della comunicazione politica, della comunicazione sociale e della comunicazione istituzionale.
 
Dirigente d’azienda dal 1978 è stato manager in istituzioni e aziende per quasi trenta anni.
E’ stato per dieci anni – chiamato da Giuliano Amato - direttore generale e Capo del Dipartimento dell’informazione e dell’editoria alla Presidenza del Consiglio dei Ministri.
Per altri dieci anni  ha operato nel sistema regionale (coordinatore dei direttori generali del Consiglio regionale della Lombardia dal 1997 al 2001 e segretario generale della Conferenza dei Presidenti delle Assemblee regionali italiane dal 2001 al 2005). 
E’ stato direttore generale dell’Istituto Luce e dirigente dalla Rai (dove è stato assistente dei presidenti Paolo Grassi e Sergio Zavoli) e dell’Olivetti (dove è stato direttore centrale delle relazioni esterne, internazionali e culturali).
E’ stato per due mandati rappresentante italiano nel Comitato scientifico dell’Unesco-Bresce
E’ Cavaliere di Gran Croce al merito della Repubblica italiana (governo Ciampi, 1993). Alte onorificenze di Francia, Argentina, Romania.
 
Di recente a Milano
E’ stato tra i consiglieri della campagna elettorale dell’attuale sindaco di Milano (coordinando il “gruppo dei 51” che ha fatto riferimento a Piero Bassetti , Valerio Onida e Marco Vitale; e dando un contributo diretto nella redazione dei documenti economici e nella elaborazione delle proposte per il modello organizzativo del nuovo assetto della Giunta).
Presiede da luglio di quest’anno il comitato interistituzionale di indirizzi per il Brand Milano, di cui sono membri Comune, Provincia,Regione, Camera di Commercio, Expo, Sea, Fiera Milano.
 
Scritti recenti
  • La buonapolitica – Cantiere Milano/Italia (prefazioni di G. Pisapia e F. Barca, Rubbettino, 2012)
  • Due arcobaleni nel cielo di Milano (con G. Pisapia, Bompiani 2011)
  • La comunicazione pubblica per una grande società (Etas, 2010)
  • Il mio viaggio nel secolo cattivo (con Maria Luigia Nitti Baldini, Bompiani 2009)
  • Una voce poco fa – Politica, comunicazione e media nelle vicende del PSI dal 1976 al 1994 (Marsilio, 2009)
  • Brand Milano (FrancoAngeli, 2008),
  • Quarantotto. Argomenti per un bilancio generazionale (Bompiani 2008)
  • Il fattore immagine nelle relazioni Italia-Romania (FrancoAngeli, 2007)
  • La democrazia partecipativa (FrancoAngeli 2007)
Sito personale
pagina pubblica in Facebook

 
Ultimo aggiornamento Domenica 24 Febbraio 2013 23:36
 

31

Ott

2012

Eurovisioni. Tributo a Massimo Fichera (31 ottobre 2012)

alt
 

Oggi la sessione di Eurovisioni a Villa Medici a Roma, dalle 9 alle 13, dedicata a Massimo Fichera attorno al tema "Un'altra Europa è possibile". Introduzione di Stefano Rolando, conclusioni di Giuliano Amato.
Sono intervenuti: Piero Pocci, Bruno Somalvico, Raffaele Barberio, Stefano Luppi, Pierluigi Malesani, Giuliano Berretta, Sergio Ristuccia, Francesco Pinto, Francesco Nardella, Xavier Gouyou Beauchamps, Luigi Mattucci, Luciana Castellina, Daniele Fichera.
Una sintesi dell’evento (Key4biz) al link
Il testo dell'intervento di apertura
 
Nella fotografia da sinistra
Francesco Nardella, Giuliano Amato, Luciana Castellina, Stefano Rolando, Stefano Luppi, Pier Luigi Malesani, Luigi Mattucci
Ultimo aggiornamento Mercoledì 31 Ottobre 2012 23:09
 

29

Ott

2012

Smart City Exhibition Bologna. Stefano Rolando intervistato da Studio1 tv. 29ott2012

Bologna 29 ottobre 2012. Intervistato da Studio 1 tv Stefano Rolando, presidente del comitato di indirizzo Brand Milano,  a Bologna  per l'apertura di Smart City Exhibition, ha detto:
"E' in atto una prima sperimentazione  di una salonistica sull'innovazione nel settore pubblico. Servono modi e luoghi per parlare linguaggi comuni, a cominciare dal significato di smart city,  che per qualcuno è implementazione tecnologica per altri è percezione del destino comune, di mezzo infiniti punti di grigio. Oggi abbiamo visto che vi è una sperimentazione anche di rating, per ora forse un po' provocatoria, ma è giusto mettere in gioco competitività e partecipazione. ICity Rate propone: 1 Bologna (e vabbè), 2 Parma, 3 Trento, 4 Firenze, 5 Milano, 6 Ravenna, 7 Genova, 8 Reggio Emilia, 9 Venezia, 10 Pisa. Roma è 21. Se ne conclude un addio sud allarmante. Cristiana Tajani (assessore all'Innovazione di Milano) ha fatto notare che Milano primeggia in assoluto sulla mobilità ed è terza come area metropolitana. Attendiamo l'annuncio dei progetti che puntano all'aggiudicamento dei  fondi Miur del bando Smart Cities and Communities, per un possibile miglioramento del posizionamento della città.  Per quanto riguarda Milano aggiungo che la materia di questo primo format dimostrativo e di confronto è un territorio importante anche per misurare l'evoluzione del brand della città".
Ultimo aggiornamento Lunedì 29 Ottobre 2012 20:39
 
Altri articoli...
<< Inizio < Prec. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 Succ. > Fine >>

Pagina 4 di 19