Magistrati e Società – Alla SSM tre intense giornate formative 10-12 febbraio 2020

La sede della Scuola superiore della Magistratura, Villa di Castel Pulci, a Scandicci (Firenze)

Programma della ottava settimana di formazione interdisciplinare per i magistrati ordinari in tirocinio nominati con D.M. 12 febbraio

Villa di Castel Pulci –Scandicci (Firenze) – 10-12 FEBBRAIO 2020

La professione del magistrato 

Lunedì 10 febbraio 

ore 15,00 – Presentazione 

ore 15,30 I mestieri del magistrato 

Come scegliere tra le funzioni. Tre testimonianze a confronto. Un giudice civile, un giudice penale ed un pubblico ministero 

Ne discutono: 

dott.ssa Lia Sava, Procuratore generale della Repubblica presso la Corte di Appello di Caltanissetta 

dott. Guido Piffer, Presidente di sezione della Corte d’Appello di Milano 

dott. Claudio Viazzi, già Presidente del Tribunale di Genova

ore 17.00 Dibattito 

Martedì 11 febbraio 

Magistrati e società

ore 9.15 Identità e immagine della magistratura nell’Italia di oggi: 

Relatore: prof. Stefano Rolando, docente di comunicazione pubblica e politica presso l’Università IULM 

ore 10.30 dibattito 

ore 11.00 La percezione sociale della figura del magistrato

Incontro con: 

dott.ssa Gianna Fracassi, vicesegretario generale CGIL 

avv. Antonio Matonti, direttore degli Affari legali di Confindustria 

dott. Francesco Merlo, giornalista, La Repubblica 

12.30 dibattito 

Sessione pomeridiana 

ore 14,00 Giustizia procedurale e legittimazione del giudice 

Relatore: dott. Fabrizio Gandini, giudice del Tribunale di Roma 

ore 15.00 La giurisdizione e l’emersione dei nuovi diritti: il ruolo del giudice 

Relatore: dott. Renato Rordorf, già Primo Presidente Aggiunto della Corte di Cassazione 

16.00 dibattito 

ore 16,30 Sospensione 

Mercoledì 12 febbraio 

ore 9.15 La professione del magistrato nella letteratura e nelle arti 

Relatore: prof. Gennaro Carillo, docente di Storia del pensiero politico nell’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli

ore 10.15 dibattito

ore 10.45 “Quale giudice a Berlino?”: dal giudice corpuscolariano alle Justice Machines 

Relatore: prof.ssa Alessandra Quarta, docente presso il Dipartimento di Culture, Politica e Società dell’Università degli studi di Torino 

ore 11.45 “Partono i bastimenti…”. Esperienze di ex mot assegnati ad uffici giudiziari lontani dal proprio territorio di origine 

Incontro con: 

dott.ssa Giulia Amodeo, sostituto procuratore a Palermo, d.m. 7/2/2018 

ore 12.45 dibattito 

Nota su FB (11.2.2020) h. 20.00

Esco ora da una buona esperienza formativa alla Scuola superiore della Magistratura a Scandicci (nella preziosa Villa che ospitava lo storico Manicomio) con 110 neo-magistrati, che tra poco tempo saranno assegnati alle sedi di giustizia (sono 330 all’anno e questo era il terzo turno di formazione). Ho presentato le linee della ricerca condotta insieme a Nadio Delai per la stessa SSM qualche anno fa sul tema “Identità e immagine dei magistrati italiani“, un complesso intreccio di auto-percezione vocazionale e professionale e di confronto con i pareri a volte convergenti a volte divergenti dei cittadini italiani. Il grosso di questa nuova generazione mi pare favorevole al “rientro alla normalità del ruolo” contro tutti i ruoli surrogatori, politica compresa. Proposta che era contenuta nelle conclusioni di quel rapporto di ricerca, in open access sul sito dell’editore Franco Angeli; e che proprio ieri Angelo Panebianco rimetteva come necessaria bussola per i magistrati nel suo editoriale sul Corriere.

S.R.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *