Lettera dalla Merica – n.5/2024 – USA. Scuole, sparatorie e stragi.

Meglio armare gli insegnanti che avere un progetto di educazione nazionale

epa10545911 Metro Nashville Police Department and officials on the scene outside the Covenant School, Covenant Presbyterian Church, following a shooting in Nashville, Tennessee, USA, 27 March 2023. Metro Nashville Police report three adults and three children were killed by a shooter who was engaged and killed by police. EPA/HAMILTON MATTHEW MASTERS

Articolo di Paolo Giacomoni

Da tempo penso che gli Stati Uniti vivono gli effetti perversi dei buoni principî che ispirarono i padri fondatori, forse perchè non hanno sentito il bisogno di promulgare leggi per la salvaguardia di alcuni principî di base del contratto sociale. Per esempio, per essere elettore bisogna avere la fedina penale pulita, ma non ce n’è bisogno per essere candidato.

Perchè mai ?

 Gli aristocratici inglesi non avevano bisogno dello Sceriffo per mettere al loro posto i villanzoni. Lo facevano a colpi di spada, quella spada che era il privilegio ed il simbolo della loro natura di aristocratici.

E così non hanno scritto che per poter essere eletto uno deve anche essere elettore, secondo la formula consacrata nelle democrazie europee, perchè il villanzone con la tracotanza di essere candidato sarebbe stato rapidamente « messo a posto ».

E così nella mentalità americana vige la tendenza a comportarsi come se fossero tutti degli aristocratici : infatti, dopo la guerra di indipendenza, tutti i cittadini americani sono stati nobilitati ed hanno acquisito il diritto di possedere e portare le armi, di cui pensano aver il diritto di servirsi, magari anche per mettere al loro posto i villanzoni.

Contrariamente a quanto succedeva nel cerchio ben educato della gentry britannica, però, non tutti i cittadini americani sanno stare a tavola come si deve e molti non sanno trattenere le loro intemperanze, dimodochè succede, forse troppo frequentemente, che qualche energumeno armato di fucile mitragliatore entri in una scuola e si metta a sparare.

Generalmente il risultato è che l’energumeno viene impallinato dalla polizia, ma solo dopo aver ucciso una buona dozzina di scolari e un paio di professori o forse più.

Il fenomeno non è recente e non è recente la permanente discussione di come fare per salvaguardare la pace e proteggere gli scolari. Quello che è recente è che il Tennesse, l’altro ieri, ha promulgato una legge che permette agli insegnanti di essere armati, nelle scuole private e solo con il permesso  della scuola.

Mi si dirà che il Tennessee è uno stato del profondo sud e che non fa testo.

E allora si va a vedere e si scopre che 32 stati autorizzano gli insegnanti a portare le armi, in alcuni casi in modo sorprendente.

Per esempio l’Arkansas permette di essere armati agli insegnanti delle scuole religiose e delle scuole private… e, per essere armati, gli insegnanti delle scuole negli altri 30 stati devono avere l’accordo della scuola.

Quindi si può concludere che il legislatore preferisce che le scuole risolvano da sole il loro problema quando sono vittime di attacchi mortiferi.

Il legislatore preferisce che nelle scuole si arrivi ad una situazione da conflitto armato tipo Sfida all’OK Corral in cui i cittadini si fanno giustizia da sè, piuttosto di investire tempo e danaro per capire perchè diavolo questi energumeni che sparano a casaccio sono così numerosi e se per caso non si debba mettere in causa il grottesco sistema diversificato dell’educazione statale.

In un Paese in cui il concetto di educazione nazionale non esiste, l’educazione viene somministrata da enti scolastici che possono non avere niente in comune, arrivando a risultati totalmente inomogenei.

Infatti l’educazione può essere impartita «in casa» da genitori liberi di far quel che vogliono, o in scuole religiose in cui gli studi filosofici si limitano alla descrizione del creazionismo biblico, o nelle scuole private laiche o in quelle pubbliche dove la storia e la filosofia non vengono insegnate perchè potrebbero provocare discussioni e dissensi

E allora, non avendo mai imparato a discutere con gli altri, certi energumeni, quando hanno le buggere, prendono la kalaschnikov e vanno a scuola.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *